lunedì 27 febbraio 2017

Migliaccio Napoletano

Siamo in pieno periodo carnevalesco
e, sicuramente, in tutte le cucine
ci sarà abbondanza di chiacchiere,
o frappe, o cenci...
...castagnole fritte o al forno,
semplici o ripiene...
Insomma, un tripudio di allegria e gusto!!! 😋
Tutto ciò, però, l'ho lasciato fare alla mamy,
come ogni anno... 😆
Io, invece, mi sono dilettata
con una preparazione più "insolita"
e dalle origini molto antiche.

Tanto ci sarebbe da raccontare
sulla storia e sulle tradizioni di questo dolce...
Il Migliaccio Dolce è, infatti, 
una tipica preparazione
della più antica tradizione partenopea
e protagonista indiscusso del Carnevale campano
(io, però, tutte queste cose mica le sapevo... 😅).
Le origini di questo dolce
risalgono al periodo Medioevale
ed il suo nome deriva dal latino miliaccium,
che indica un tradizionale pane di miglio.
Nei comuni della Valle Caudina,
nel beneventano,
il migliaccio è il dolce principe del martedì grasso.
In particolare, potrebbe essere considerato
il cugino povero della sfogliatella napoletana
e, infatti, al suo ripieno si avvicina molto,
tanto che, proprio nella Valle Caudina,
viene chiamato anche sfogliata.
Il suo gusto, però, si avvicina notevolmente
anche alla Pastiera,
con i suoi profumi ed i suoi colori caratteristici.
Detto ciò, penso che non ci resti altro da fare
che armarci di mestoli e padelle
(io mi sono fatta aiutare da uno dei miei fidati aiutanti)
bazzicare in cucina! 😃


Ingredienti...
...per la Torta
6 uova medie intere
250 g di zucchero semolato
450 g di ricotta (home made QUI e QUI)
250 g di semolino
750 ml di latte fresco intero
250 ml di acqua
30 g di liquore Strega
30 g di strutto
1 limone bio
2 arance bio
sale fino q.b.

...per Decorare
zucchero semolato q.b.
codette di zucchero semolato q.b.

Nella ciotola della planetaria, versiamo il latte e l'acqua.
Vi aggiungiamo, a freddo, il semolino e misceliamo velocemente con una frusta da cucina, per evitare che si possano formare spiacevoli grumi.
Uniamo, infine, le bucce del limone e dell'arancia e azioniamo la macchina: 15 minuti, 95°C, velocità (1).
Quando inizia ad addensare, fermiamo la planetaria, togliamo le bucce degli agrumi e terminiamo la cottura.


A cottura ultimata, uniamo lo strutto e azioniamo la planetaria per 30 secondi a velocità min, ottenendo un composto omogeneo e cremoso.


Lasciamo raffreddare un po' il composto di semolino e, nel frattempo, riuniamo insieme la ricotta setacciata, le uova e le zeste grattugiate dell'arancia. Frulliamo il tutto per 2-3 minuti a velocità da 1 a 4.
Aggiungiamo, poi, lo zucchero ed il liquore e azioniamo nuovamente la macchina da velocità 1 a 4, sempre per 2-3 minuti.


A questo punto, uniamo il composto di semolino e amalgamiamo per un paio di minuti a velocità 4.


Otterremo, così, un crema liscia ed omogenea.


Versiamo l'impasto ottenuto in uno stampo da 28 cm di diametro (io ho usato quello che in genere uso per le Pastiere di Granodi Riso), precedentemente unto con lo strutto ed infarinato, e cuociamo a 175-180°C per 50-60 minuti.


A cottura ultimata, facciamo raffreddare bene.


Solo quando il dolce sarà ben freddo, possiamo adagiarlo sul piatto di portata e decorarlo a piacere con zucchero semolato e codette di zucchero colorate.


Le versioni ufficiali richiedono
la "spolverata" con lo zucchero a velo;
ma, diciamoci la verità...


...le codette colorate fanno più allegria
e, di sicuro, richiamano di più il carnevale! 😄

Se questa ricetta
vi ha fatto venire l'acquolina in bocca
e decidete di provarla,
fatemi sapere il risultato.
Potete anche seguirmi sulla Fanpage
Bazzicando in Cucina.
Vi aspetto!!!







8 commenti:

  1. Immancabile sulle tavole per carnevale... e che goloso!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' la prima volta che lo preparo, ma confesso che ha riscosso il suo "piccolo" successo :o)

      Elimina
  2. mi hai incuriosito molto, non l'ho mai assaggiato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una novità anche per me ;o)

      Elimina
  3. devo, assolutamente, provarlo, anche se Carnevale è passato. Bravissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In alcune zone viene proposto anche a Pasqua, quindi sei ancora in tempo ;o)

      Elimina
  4. Buono! :) Grazie per la ricetta! ;)
    Buona giornata!!

    http://blog.giallozafferano.it/dolcisalatidielisabetta/

    http://elisabettasantoro.altervista.org/

    http://ilblogdielisabettas.blogspot.it

    RispondiElimina
  5. Che squisitezza!
    Ho appena scoperto il tuo bellissimo blog e mi sono immediatamente unita ai tuoi lettori fissi!
    Se ti va di ricambiare ti aspetto da me!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...