lunedì 14 ottobre 2013

Le Pastarelle!

Avete presente quelle pietanze
che vi ricordano la vostra infanzia,
e non solo... ;o)
Quelle il cui profumo
riesce a sprigionare una miriade di ricordi...
Quelle che anche da grandi
vi fanno sentire tanto coccolati...
Penso proprio di si!
Sono sicura che tutti noi abbiamo
un cibo del cuore!
Il mio è molto semplice e povero,
ma tanto pieno d'amore. :o)


Si tratta delle famosissime Pastarelle
che mi preparava spesso mia madre,
soprattutto quando dovevo rimettermi un po' in forze!
Ricordo ancora la cucina invasa
dal caratteristico odore dell'ammoniaca
e decine e decine di biscotti sparsi per tutta la cucina...
...perché, diciamoci la verità,
mia madre, di certo,
non impastava solo mezzo chilo di farina... ;o)
Io mi sono fatta aiutare dall'instancabile Rossana,
ma se non siete muniti di planetaria,
potete fare "alla vecchia maniera",
come faceva la mia mamma...
...a mano! ;o)


Ingredienti (per ca. 40 biscotti)
3 uova medie intere
200 gr di zucchero semolato + quello per decorare
500 gr di farina 00
50 gr di strutto
15 gr di ammoniaca per dolci
1 tazzina da caffè di latte tiepido
ciliegie candite q.b.

Riuniamo la farina, lo zucchero, le uova e lo strutto nella planetaria, alla quale avremo applicato la frusta a "K" (o a foglia), e azioniamo a velocità media. Nel frattempo, mischiamo in un bicchiere il latte e l'ammoniaca; lo versiamo velocemente nella ciotola, in quanto tende a gonfiarsi, e facciamo assorbire.


Prima di mettere le mani in pasta, vi consiglio di organizzare il piano lavoro... ;o)
In un piattino, versiamo un po' di zucchero semolato e lo disponiamo in modo agevole, insieme all'impasto e alle ciliegie candite.


Con un po' di impasto, formiamo delle palline grandi come una noce e le intingiamo nello zucchero.


Con le dita della mano, appiattiamo la pallina ottenuta e la disponiamo su una teglia ricoperta di carta da forno.
Procediamo così per tutto l'impasto.


Tagliamo le ciliegie a metà, posizionandone una parte in mezzo ai biscottini ancora crudi, pressando leggermente.
Cuociamo, a questo punto, in forno preriscaldato a 175°C per 15-20 minuti.


Appena cotti, sforniamo e facciamo raffreddare bene prima di metterli in un vassoio.
Consiglio di gustarli solo quando saranno ben freddi, in quanto l'ammoniaca deve finire di evaporare.


Come potete notare,
si tratta di un dolcino
dagli ingredienti semplici e poveri di una volta,
ma nutriente e gustoso!!!
La presenza dell'ammoniaca per dolci, poi,
gli conferisce un aroma ed una struttura particolari,
che li rendono diversi dai soliti frollini cui siamo abituati.
Sono, tra l'altro, ottimi per i bimbi,
in quanto sostanziosi
ma non ricchi di grassi e zuccheri.
Io, semplicemente, li adoro! :o)

Con questa ricetta partecipo al Contest
"La mamma è sempre la mamma"
dei blog Passione in Cucina e Cucinare con Amore
in collaborazione con Green Gate.


14 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  11. Ciao Lory...per me il ciambellone marmorizzato che faceva la mia mamma ^^ stupendi questi dolcetti!!!!

    RispondiElimina
  12. Devo ammettere che non conoscevo le pasterelle...le proverò! Sembrano semplici da fare e il passo passo è spiegato ala perfezione. Sembrano uscite dalla pasticceria...che belle! Bacio
    Marika :D

    RispondiElimina
  13. uhmmm le adoro, sento anch'io il profumo dei ricordi e la bontà!!

    RispondiElimina
  14. Ma perché sto a dieta? AAAArggghhhhhh!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...