domenica 19 agosto 2012

Collaborazione "Verrigni"

Proprio qualche giorno fa
pensavo a quanto mi avrebbe fatto piacere
impastare un pò di pasta fresca,
magari tirando fuori la mia cara Pastamatic...
Non ho fatto in tempo a formulare questo pensiero
che puntuale citofona il corriere,
dicendo che c'è un pacco per me! :o)
Il corriere è sempre lo stesso...
...è lui che mi ha portato i pacchetti dei vari acquisti
fatti per i miei "torteggiamenti"
e qualche altro pacchetto delle collaborazioni...
Chissà cosa deve pensare di tutte queste spedizioni...
...hihihi...
Appena entro in casa,
corro a prendere un paio di forbici
e tolgo il rivestimento esterno del pacco
e ne esce un'elegante scatola...
Lo confesso,
la prima cosa che ho pensato è stata:
"E' ideale per trasportare qualche torta"...
...e lo so', ho qualche problemino... ;o)
Comunque, aprendo la confezione,
la sorpresa è ancora maggiore,
in quanto l'interno si presenta con colori molto allegri e simpatici.




Superata l'enfasi per la confezione,
mi accingo a guardare il contenuto
e, oltre a diversi formati di pasta,
vi sono una brochure ed un biglietto scritto a mano...
ed è stata proprio questo bigliettino la sorpresa più gradita!!! :o)


Ma chi è Verrigni?
Si tratta di un antico pastificio,
che ha origine nel lontano 1868,
in terra abruzzese.
Nel settembre 2009 inizia a produrre
la prima pasta trafilata ad oro,
nei due formati Spaghettoro e Fusilloro,
presenti, tra l'altro, nella campionatura inviatami.
A tutt'oggi, quest'antica azienda,
oltre a produrre pasta trafilata in bronzo ed oro,
è orientata anche al bio,
proponendo una gamma di più di 80 formati di pasta.
Insomma, un'azienda attenta alle dinamiche moderne,
mantenendo però intatta la qualità dei suoi prodotti.


Sfumato, così, il mio progetto di impastare,
non mi resta che pensare a qualche cosa di originale
per assaporare al meglio questa pasta tanto particolare!



3 commenti:

  1. fortunata fortunata fortunata
    che bello... io sono una patita degli antichi sapori e del mangiar bene.. cerco quando posso di acquistare prodotti bio e selezionati da slowfood, faccio sempre capatine nei negozi eatly e cerco su internet realtà locali attente alla tradizione e alla eccellenza..
    mi informerò su questo pastificio che mi ispira veramente ..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ancora assaggiato questa pasta: è tutto rimandato al "dopo vacanze"... però, sembra promettere bene... :o)

      Elimina
    2. penso di sì, l'Abruzzo, come la Campania produce una pasta eccezionale.. e le piccole realtà, non raggiunte dall'industrializzazione a manetta, sono le più sicure depositarie di qualità e tradizione

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...